Claudio Madeddu

Nasce a Sassari nel 1986. Ha la possibilità fin da piccolo di stare a contatto con la musica grazie al padre, chitarrista amatoriale e appassionato musicofilo. Dopo aver provato con altri strumenti, spontaneamente, nel 2001 all’età di 15 anni si avvicina alla batteria. Prende subito seriamente lo strumento iniziando a studiare come autodidatta da manuali e metodi, spinto dalla curiosità. Intanto inizia a collaborare con le prime band locali suonando prevalentemente cover in ambito Rock e Blues facendo le prime esperienze dal vivo. Capisce che ha bisogno di studiare a un livello superiore e perciò dal 2006 inizia a studiare col M° Mauro Porcu, valido didatta che insegna sul territorio, con cui studia i rudimenti,l’impostazione di mani e piedi, il solfeggio, la lettura, la storia ,l’indipendenza, tempi dispari e i linguaggi fondamentali propri di ogni genere musicale. Collabora con diverse band sperimentando le nozioni apprese con lo studio e affrontando nuovi generi come Pop, Blues, Latin, Progressive, Metal.

Ha la possibilità, inoltre, di fare le prime esperienze in studio di registrazione. Nel 2009 segue le Masterclass di Steve Smith e Jojo Mayer, batteristi di caratura internazionale, dove apprende delle tecniche moderne e innovative che entreranno a far parte del suo drumming come la tecnica Moeller. Proprio Mayer influenzerà tantissimo il suo modo di suonare, portandolo a sperimentare nuovi linguaggi sul drumset. Continua lo studio approfondendo generi come Jazz e Latin. Nello stesso periodo inizia a tenere lezioni private con alcuni ragazzi della zona. Nell’estate del 2010 ha la possibilità di organizzare la Clinic e il concerto di Ellade Bandini (De Andrè, Mina, Branduardi, Conte) in trio jazz con A.Marangolo e L.Mingotti, già nella formazione di Guccini, aprendo lo stesso con un quartetto nel quale esegue delle rivisazioni in chiave jazz di canzoni cantautorali italiane. Ha inoltre l’occasione di passare un’intera giornata con l’artista da cui impara tecniche e nozioni. Sarà un’occasione una crescita sia musicale che umana.

Intensifica le lezioni aggiungendo nuovi allievi alle lezioni private e fa domanda d’insegnamente per le scuole civiche di musica. S’iscrive a Milano all’Accademia del Suono in cui partecipa ai corsi tenuti da Christian Meyer (Elio e le storie tese) col quale studia e approfondisce i rudimenti del tamburo, la lettura e il solfeggio, l’indipendenza, il Jazz, Il Funk, il Latin, effettuando anche registrazioni in studio. Grazie a Meyer e all’ambiente profondamente motivante,attorno al quale ruotano i migliori professionisti italiani, apprende nuovi concetti che lo aiuteranno a migliorare la propria tecnica e l’essere musicista in generale. Sempre a Milano ha la possibilità di assistere alla Masterclass di Dave Weckl, batterista considerato come uno dei migliori al mondo e che lo ha molto influenzato, vedendo all’opera un mostro sacro alle prese con quei concetti lì stesso studiati. Nello stesso anno entra a far parte del corpo docente della Scuola Civica del Mejlogu, che opera nei vari Comuni della Provincia di Sassari, dove tutt’ora insegna. Entra in contatto con vari professionisti della realtà musicale sarda, come il Docente di Basso, Gianni Gadau, col quale effettua concerti- dimostrazione nelle scuole e clinic sull’interazione basso-batteria nella musica moderna. Prosegue il proprio percorso di studi,inserendo negli stessi una forte ricerca delle origini dello strumento e sviluppando alcuni concetti da lui stesso ideati, maturando uno stile personale. Nel 2011 segue la Masterclass e il concerto di Roberto Gatto, batterista jazz tra i più conosciuti, appuntamento che lo stimola ad approfondire lo studio del Jazz e dello Swing. Continua l’insegnamento sia privato che all’interno di scuole civiche e entra a far parte e collaborare con diversi musicisti della zona suonando vari generi e composizioni originali. Dal settembre 2012 inizia ad insegnare presso l’Istituto di Musica della Pedemontana di Aviano (Pn) ed entra nel circuito dei musicisti di Pordenone collaborando con varie formazioni della zona in contesti sia acustici che elettrici.

Negli anni successivi si divide tra live con diverse formazioni, registrazioni in studio e insegnamento pubblico e privato.

Infatti dal 2013 inizia ad insegnare a Varmo (Ud) presso la Scuola di Musica di Varmo e qui ha la possibilità di collaborare con dei progetti all’interno della scuola primaria.

Nell’estate del 2014 suona live con un’orchestra che propone tutti i successi di F.De Andrè, partecipando anche a tramissioni televisive.

Nel 2015 s’intensifica l’insegnamento e il lavoro su un metodo da lui ideato per l’insegnamento della batteria ai bambini,sperimentato con successo con i suoi piccoli allievi; metodo che vede la luce lo stesso anno.

Nel 2016 continua l’insegnamento nei due istituti precedenti e continua la collaborazione col comico Rocco Barbaro con uno spettacolo teatrale sulla figura di Giorgio Gaber.

Partecipa alla clinic di Maurizio dei Lazzaretti e nella stessa estate partecipa al progetto “Banda senza frontiere” in Libano, dove insegnarà musica nel campo rifugiati palestinese di Bouri-al-Shemali, nel sud del paese.

Esperienza che lo segnerà fortemente sia dal punto di vista umano che musicale, inducendolo ad approfondire lo studio sia sulle percussioni che sui ritmi arabi.

A Settembre inizia la sua collaborazione con la scuola musicale “Musica Maestro” di Concordia Sagittaria (Ve) e fonda con altre due colleghe a Talmassons (Ud) l’Associazione Culturale Ziqqurat, che darà vita all’omonima scuola di musica.

Nel 2017 suona coi Pink Freud, formazione che accompagna gli scritti dello psichiatra Angelo Villa, partecipa a diversi concerti e iniziative scolastiche e collabora coi Tamburi di Valvasone, formazione percussiva attiva durante le rievocazioni medievali, per i quali compone un brano originale.

Attivo tra diverse situazioni musicali, tra orchestre, teatro e studio, oltre a proseguire l’insegnamento nei quattro istituti succitati, tra la provincia di Pordenome, Udine e Venezia.

Il 2018 lo vede impegnato soprattutto in ambito Latin, Funk e Jazz;

Col collega percussionista Massimo Orselli, tiene un workshop di ‘batteria e percussioni nella musica latinoamericana; Suona coi T-Bone’s Creed, orchestra di otto elementi che affronta un repertorio tra il funk e soul; Suona con gli Schröedinger’s Cats, quintetto jazz con escursioni sulla bossa nova e il soul.

Nell’estate, continuando il lavoro svolto due anni prima,è stato impegnato come insegnante di batteria e percussioni in un progetto che ha visto partecipi la scuola Ziqqurat, l’Associazione Ulaia e l’associazione libanese Assomoud.

Durante questo corso intensivo di venti giorni, ha affrontato con lo studente lo studio e la tecnica di batteria e percussioni sia in ambito tradizionale che moderno.

Claudio Madeddu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su